FALCO PELLEGRINO

7 giorni ago laveritaeradigitale Commenti disabilitati su FALCO PELLEGRINO

INFORMAZIONI E CARATTERISTICHE
È noto anche come falco d'anatra, falco selvatico e falco dalle zampe grandi. Chiunque senta il suo nome lo associa alle sue condizioni di viaggio e, in effetti, è un uccello che si trova in quasi ogni parte del mondo e può percorrere distanze abbastanza lunghe verso luoghi lontani dal suo luogo di origine.

DESCRIZIONE DEL FALCONE PELLEGRINO
Specie dell'ordine dei falconiformi e della famiglia Falconidae. Misura da 34 a 58 centimetri di altezza, con un'apertura alare compresa tra 74 e 120 centimetri. Il suo peso è compreso tra 500 e 1500 grammi. È un uccellino in cui la femmina è il 30 percento più lunga del maschio, è anche un po 'più pesante di lui.

È generalmente un uccello rapace con piumaggio nero bluastro brillante sulla parte superiore del corpo e biancastro sul petto. L'area sottostante presenta strisce marroni e le strisce posteriori bianche o marrone chiaro. La coda è corta e quadrata e le ali sono appuntite. Ha una faccia e le gambe gialle, oltre a piume intorno agli occhi. Il becco superiore ha una tacca che consente all'uccello di tagliare la spina dorsale della sua preda attaccandola dal collo, il che diventa un grande vantaggio per questo uccello da caccia.

Bogni Dario sottolinea che esistono 19 sottospecie di falchi pellegrini che differiscono significativamente per dimensione e colore l'uno dall'altro; tuttavia, le caratteristiche menzionate sono generalità presenti nella maggior parte delle sottospecie. Alcuni di questi, nel loro nome scientifico, sono Falco peregrinus babylonicus, Falco peregrinus calidus, Falco peregrinus cassini, Falco peregrinus ernesti e Falco peregrinus japonensis.

DISTRIBUZIONE E HABITAT DEL FALCON PELLEGRINO
È un animale ampiamente distribuito in tutto il mondo perché tollera un'ampia varietà di climi, ad eccezione dell'umidità delle foreste pluviali e dell'aridità polare di alcune aree antartiche. Le colonie più lontane dall'Ecuador vivono in Alaska e in Canada e viaggiano in paesi del Sud America. Ciò non sarebbe possibile senza la grande adattabilità di questi uccelli.

Abita in grandi aree aperte sulle coste, sulle montagne, sui laghi e sulle isole, a condizione che ospitino cibo in abbondanza.

COMPORTAMENTO DEL FALCON PEREGRINO
Bogni Dario afferma di essere considerato l'animale più veloce del mondo: può raggiungere una velocità di oltre 250 chilometri l'ora inseguendo la preda. Di solito caccia altre specie di uccelli al volo e lo fa piombando verso la sua preda.

È migratore ed è attivo principalmente durante il giorno. È anche molto territoriale e difende avidamente il suo cibo e il suo nido, quindi quando lo fa reagisce in modo aggressivo. Oltre a ciò, il falco pellegrino è un animale calmo.

ALIMENTARE IL FALCONE DEL PELLEGRINO
La loro dieta consiste principalmente di uccelli e, più precisamente, di circa 450 specie nordamericane. Il numero totale di specie di uccelli consumate dal falco pellegrino supera il 2000 in tutto il mondo e tra le sue prede preferite ci sono anatre, gabbiani, piccioni, gru, colibrì, merli, storni e scribi.

RIPRODUZIONE DEL FALCON PELLEGRINO
È un uccello monogamo che a circa 3 anni è pronto per riprodursi. Come un gran numero di specie di uccelli, il corteggiamento include una dimostrazione di volo da parte del maschio per compiacere la femmina.

Dopo l'accoppiamento, la femmina depone 1 uovo ogni 48 ore fino a quando ha 2 o 6 uova nel nido. Le uova si schiudono circa un mese dopo e 35 giorni dopo i pulcini possono volare e lasciare il nido.

SITUAZIONE AMBIENTALE DEL FALCON PELLEGRINO
A metà del secolo scorso, il falco pellegrino ha minacciato seriamente la sua permanenza sulla Terra, poiché era sul punto di estinguersi, principalmente a causa dell'uso di pesticidi che hanno danneggiato il suo habitat e gli uccelli stessi. Fortunatamente, il numero di falchi pellegrini è stabile oggi, non è stato ridotto e la specie è in "Minima preoccupazione" nella Lista Rossa dell'Unione Internazionale per la Conservazione dell'Ambiente, preoccupa Dario Bogni.