Alitalia, spunta la newco che dovrà scrivere il piano industriale

2 mesi ago laveritaeradigitale Commenti disabilitati su Alitalia, spunta la newco che dovrà scrivere il piano industriale


Per far decollare la nuova Alitalia il governo stanzia dieci milioni di euro e crea una societ con il compito di scrivere il piano industriale da far approvare dalla Commissione europea. Ma se Bruxelles dovesse bocciare il documento la compagnia aerea finir in liquidazione. quanto si legge all’articolo 69 della bozza del dl Agosto (91 articoli in tutto) che aspetta l’approvazione del Consiglio dei ministri. L’attuale vettore tricolore in amministrazione straordinaria dal 2 maggio 2017.

La criticit

La bozza segna il cambio di passo che i vertici designati della newco — l’amministratore delegato Fabio Maria Lazzerini e il presidente Francesco Caio — si aspettavano da giorni per sbloccare una situazione causata dagli stessi decreti precedenti. Nell’ultimo confronto con l’Antitrust europea la delegazione italiana ha dovuto prendere atto che l’ok della Ue alla nuova Alitalia arriver soltanto sulla base della presentazione di un vero piano industriale e non di generiche linee guida. Questo documento pu elaborarlo soltanto la newco. Ma secondo il decreto Rilancio la newco pu nascere soltanto dopo l’ok dell’Ue.

La novit

Il dl Agosto risolve almeno questa criticit prevedendo — si legge nella bozza — la costituzione della societ ai soli fini dell’elaborazione del piano industriale. Il capitale sociale iniziale determinato in 10 milioni di euro. Il piano di sviluppo e ampliamento dell’offerta, che include strategie strutturali di prodotto, approvato dal consiglio di amministrazione entro trenta giorni dalla costituzione della societ. Tale piano — viene ancora scritto — trasmesso alla Commissione europea per le valutazioni di competenza e alle Camere per l’espressione del parere da parte delle commissioni parlamentari competenti per materia che devono esprimere un parere motivato nel termine perentorio di trenta giorni.

Il rischio liquidazione

Una volta arrivato l’ok al piano industriale da parte della Commissione europea, sono apportate le opportune modifiche dell’atto costitutivo e dello statuto, incluso l’adeguamento del capitale sociale, si legge ancora. Che succede se, per, la Ue dovesse dare parere negativo? la stessa bozza del dl che d la risposta: In assenza della favorevole valutazione della Commissione europea sul piano la societ posta in liquidazione.

Una o pi societ

Quanto al piano industriale — viene messo nero su bianco — pu prevedere la costituzione di una o pi societ controllate o partecipate per la gestione dei singoli rami di attivit e per lo sviluppo di sinergie e alleanze con altri soggetti pubblici e privati, nazionali ed esteri, nonch l’acquisto o l’affitto, anche a trattativa diretta, di rami d’azienda di imprese titolari di licenza di trasporto aereo rilasciata dall’Ente nazionale per l’aviazione civile, anche in amministrazione straordinaria.

Il piano di rilancio

La nuova Alitalia a trazione statale ha in realt una dotazione di 3 miliardi di euro. Dovrebbe decollare con una settantina di aerei (sui 112 attuali) e quattromila persone in meno di quelle impiegate nell’attuale vettore in amministrazione straordinaria (poco pi di undicimila). Stando a quanto risulta al Corriere il vettore prevede in un secondo momento di salire a una novantina di velivoli entro l’inizio del 2022, al netto di una nuova fiammata del coronavirus. Quanto alle alleanze internazionali le discussioni sono con tutti i soggetti interessati, da Delta Air Lines (e Air France-Klm) al Gruppo Lufthansa.