Due giorni in ufficio, tre a casa: Tim sigla l’accordo per lo smart working anche dopo il Covid

2 mesi ago laveritaeradigitale Commenti disabilitati su Due giorni in ufficio, tre a casa: Tim sigla l’accordo per lo smart working anche dopo il Covid


Il gruppo Tim pensa al post Covid e, prima grande azienda in Italia, riorganizza il lavoro in ottica smart working anche dopo l’emergenza sanitaria e per tutto il 2021. L’azienda ha firmato nella notte un accordo con i sindacati per prolungare fino a fine ottobre le misure Covid ma soprattutto per avviare la sperimentazione lungo tutto il 2021 di una riorganizzazione del lavoro con 2 giorni alla settimana di smart working e un pacchetto individuale di altri 12 giorni che permetterebbe ai lavoratori di lavorare 2 giorni in ufficio e tre da casa.

L’accordo si basa innanzitutto sulla volontariet, tenendo presente le difficolt che uomini e donne possono avere a lavorare chiusi in un ambiente familiare che a volte pu essere ostile, e saranno tutelati. L’azienda sta anche riorganizzando gli ambienti di lavoro con i desk condivisi su prenotazione, una misura che potr portare risparmi nei costi di gestione del personale. I sindacati hanno, nell’ambito dell’accordo, ottenuto che fossero garantiti i ticket per la ristorazione anche nelle giornate di smart working e , fanno notare, l’obiettivo ultimo quello di arrivare ad avere minori ore di lavoro a parit di stipendio.