Due dirigenti d’azienda su tre si dice ottimista per la ripresa post Covid

2 mesi ago laveritaeradigitale Commenti disabilitati su Due dirigenti d’azienda su tre si dice ottimista per la ripresa post Covid


Il 66% dei dirigenti d’azienda convinto che il mercato europeo si riprender abbastanza rapidamente dalla contrazione economica causata dalla pandemia del Covid-19. Lo rivela il nuovo studio globale di Accenture, “Bold Moves in Tough Times ”, condotto su un campione di circa 500 manager (C-suite) appartenenti a 15 settori industriali divisi tra Europa, Nord America e Asia-Pacifico. L’indagine, ha rilevato che circa tre intervistati su 10 (il 29%) si aspettano per l’Europa una ripresa abbastanza rapida (“a V”), mentre il 37% prevede una ripresa “a U”, pi lenta ma costante, nei prossimi 12 mesi.

Il settore nel quale si registra pi ottimismo quello farmaceutico, delle biotecnologie e delle life sciences: qui il 34% dei manager attende una crescita della domanda europea come effetto della pandemia. Al secondo posto, il settore delle comunicazioni, dei media e dell’intrattenimento, con il 52% degli intervistati che si aspetta una ripresa a V nei mercati europei, e a seguire quello assicurativo, al 47%. All’estremit opposta ci sono i settori automobilistico e quello delle compagnie aeree, dei viaggi e dei trasporti, nei quali rispettivamente si aspettano una ripresa rapida solo il 7% e il 12% degli intervistati. Lo studio rivela anche che gli executive si aspettano che a riprendersi pi rapidamente siano le economie della Germania, dei paesi nordici e della Gran Bretagna, seguite da quelle di Francia, Spagna e Italia. I dirigenti d’azienda europei sono ottimisti anche per quel che riguarda la competitivit dell’Europa, infatti quattro intervistati su 10 (il 39%) sono convinti che le societ europee saranno pi competitive di quanto lo fossero prima della crisi nei confronti dei loro pari statunitensi, mentre una percentuale ancora pi alta di intervistati (il 43%) ritiene che le societ europee saranno pi competitive rispetto a quelle cinesi.

“Nell’attuale contesto economico, ancora instabile e incerto, la fiducia ha un’importanza fondamentale”, ha detto Jean-Marc Ollagnier, CEO di Accenture Europe. “L’ottimismo per la ripresa economica e la competitivit dell’Europa offre alle aziende europee un’opportunit unica per rafforzare la loro leadership e colmare il gap con i loro competitor americani e asiatici. Ma questo dipender da quanto le aziende saranno in grado di tradurre tale ottimismo in azioni forti. Il rischio pi grande che i business leader europei facciano troppo affidamento sul sostegno del governo, stiano sulla difensiva e non investano abbastanza in innovazioni di portata rivoluzionaria, perch la concorrenza globale non star ad aspettare”. La ricerca di Accenture fa intravedere un possibile rischio derivante da un’eccessiva cautela da parte degli executive europei nel prepararsi alla ripresa, rispetto all’atteggiamento mostrato da quelli del Nord America e dell’area Asia-Pacifico. In particolare, i dirigenti d’azienda europei sembrano pi concentrati sull’innovazione incrementale che su quella radicale: pi della met degli intervistati in Europa (il 53%) sta rallentando gli investimenti in innovazione e da qui a sei mesi non ha in programma particolari iniziative in merito. In Nord America la percentuale si ferma al 33% degli intervistati, mentre in Asia-Pacifico al 49%.

Inoltre, i dirigenti non investono in misura sufficiente nel futuro del business: in Europa, le aziende che stanno gi investendo in iniziative finalizzate a prepararsi per la ripresa sono circa una su sette (16%), in Asia Pacifico una su quattro (25%) e in Nord America una su tre (34%). Chi sta al vertice appare anche meno propenso a collaborare per la ripresa: rispetto a quelli del Nord America e dell’Asia-Pacifico, i leader aziendali europei appaiono un po’ meno propensi a collaborare con altre societ per mitigare l’impatto della crisi e accelerare la ripresa (in Europa sono il 48%, in Nord America il 53 % e in Asia-Pacifico il 55%).