Federalimentare: «Rinunciamo a fare il contratto». L’accordo UnionFood diventa riferimento

2 settimane ago laveritaeradigitale Commenti disabilitati su Federalimentare: «Rinunciamo a fare il contratto». L’accordo UnionFood diventa riferimento


Federalimentare, la federazione degli industriali dell’agroalimentare ufficializza la rinuncia a svolgere la funzione di coordinamento nella trattativa per il rinnovo dell’industria alimentare. La decisione darebbe stata comunicata nero su bianco, come segnala AdnKronos, sa una lettera firmata dal vicepresidente di Federalimentare Silvio Ferrari. La Federazione si trova nell’oggettiva impossibilit di svolgere la propria funzione politica di coordinamento contrattuale scrive il vicepresidente Ferrari motivando la decisione con una presa d’atto di due circostanze fondamentali. La posizione assunta nel corso della riunione di ieri da alcune associazioni di sottostare all’accordo siglato il 31 luglio da Ancit, Assobirra e Unionfood e la indisponibilit dei sindacati a riprendere la trattativa. La lettera indirizzata alle otto associazioni Anicav, Assalzoo, Assitol, Assobibe, Assocarni, Asslatte, Federvini e Italmopa che, a oggi, non hanno ancora sottoscritto l’accordo del 31 luglio scorso con i sindacati, firmato invece il 31 luglio da Unione Italiana Food, Assobirra e Ancit, e di recente da Assica e Mineracqua. Oltre che da numerose aziende, tra cui molti big del Food & Beverage, che l’hanno firmato a cascata: da Campari a Fontanafredda, Lactalis, Parmalat, il Gruppo Veronesi, Curtiriso, Divella, Acqua Sant’Anna, per citarne alcune.

L’industria alimentare rappresenta nel suo insieme 385 mila lavoratori. Nel settore convivono aziende che stanno facendo buoni affari con la pandemia (le fornitrici dei supermercati) con quelle danneggiate perch producono soprattutto per bar e ristoranti. L’accordo siglato a oggi da mezza categoria assegna 119 euro lordi a regime. pervenuta qualche giorno fa alle nostre segreterie la richiesta di riaprire il negoziato, scelta per noi impraticabile dal momento che quello sottoscritto il 31 luglio per noi l’unico contratto del settore, ha spiegato il segretario generale della Uila-Uil, Stefano Mantegazza.