Unicredit apre alle pmi l’universo Esg. Assimoco, un bando per ripartire- Corriere.it

1 mese ago laveritaeradigitale Commenti disabilitati su Unicredit apre alle pmi l’universo Esg. Assimoco, un bando per ripartire- Corriere.it


Jean Pierre Mustier, amministratore delegato del gruppo UnicreditBen 283 miliardi di dollari tra green, social e sustainable bond gi emessi a settembre 2020, con una proiezione che arriva a fine anno a 420 miliardi di dollari, pari a una crescita di oltre il 30 per cento sul 2019. questa la dimensione raggiunta nel mondo dal mercato delle obbligazioni emesse da imprese e istituzioni per finanziare i propri investimenti sostenibili, con l’Europa che si avvia a fare la parte del leone, grazie anche alla spinta delle politiche Ue legate al Green New Deal. Dall’altra parte ci sono gli investitori, come i grandi fondi, sempre pi alla ricerca di carta verde per soddisfare le indicazioni di investimento di risparmiatori che spingono nella direzione della sostenibilit. In Italia, utility come A2A, Hera e Iren, gruppi energetici come Enel, Eni ed Erg o industriali come Snam e Bracco Imaging si sono gi finanziati presso il sistema bancario o il mercato dei capitali, con strumenti che includono obiettivi ambientali. Ora il mercato maturo per accogliere anche societ di dimensioni inferiori, che vogliano investire per realizzare programmi di transizione verso modelli produttivi a minore impatto carbonico. Per illustrare alle midcap italiane le opportunit e gli strumenti finanziari oggi disponibili, il Sustainable finance advisory team di UniCredit Cib, guidato in Italia da Valeria Toscano, ha organizzato un Esg Roadshow in 4 tappe che toccano Germania, Austria, central eastern Europe e Italia. All’appuntamento italiano, in programma in modalit digitale gioved 29 ottobre, sono state invitate 350 medie imprese di vari settori industriali potenzialmente interessate a mettere in atto investimenti finalizzati a ridurre i consumi energetici e pi in generale abbattere l’impatto ambientale del loro ciclo produttivo. Ospiti di Alfredo De Falco e Francesco Salvatori di Unicredit, gli imprenditori potranno discutere con Anna Fusari della Banca Europea per gli Investimenti, Renato Panichi di Standard & Poor’s , Cosimo Marasciulo di Amundi, Michele Pedemonte di Erg, Sergio Molisani di Snam e la stessa Valeria Toscano.

Il report di Intrum

Marc Knothe, amministratore delegato di Intrum ItalySar Carlo Cottarelli, gioved prossimo, 29 ottobre a presentare online insieme a Marc Knothe, amministratore delegato di Intrum Italy l’edizione italiana dell’European Payment Report (Epr) che da 22 anni indaga i comportamenti di pagamento delle aziende e i pagamenti verso le aziende. Il Report diventato una fonte di dati preziosa per le istituzioni europee e italiane che indagano il vasto mondo dei pagamenti. L’European Payment Report di quest’anno stato realizzato intervistando fra febbraio e maggio, in epoca pre Covid e post Covid, 9.980 C- Level di 29 paesi europei, di questi oltre 900 in Italia. Fra gli elementi del report emerge il concetto di payment gap: il tempo che intercorre fra i tempi concessi e quelli effettivi di pagamento. Si tratta di un periodo con un impatto significativo sui fatturati aziendali ma che le imporese italiane sono in grado di gestire con grande resilienza. Il webinar del 29 ottobre sar ospitato sulla piattaforma di Ruling Companies.

Valsabbina fa il bis a Milano

Piccole banche crescono. La bresciana Valsabbina, raddoppia a Milano. operativa infatti, la nuova filiale di Piazzale Cadorna 15/1, che va ad affiancarsi all’altro sportello presente in citt dal marzo 2017, tra via Settala e viale Tunisia, nel quartiere di Porta Venezia. Lontano da Brescia Valsabbina ha recentemente aperto anche a Bologna, Reggio Emilia e Cesena.

Sia fatta l’offerta. Digitale…

Ma quali offerte in contanti? La Chiesa nei Grigioni, in Svizzera, guarda avanti e preferisce la moneta elettronica. Succede da qualche domenica anche alla chiesa parrocchiale di St. Mauritius a St. Moritz-Dorf, dove la Sonntagskollekte, ovvero la raccolta di offerte che si realizza durante l’offertorio in occasione della messa della domenica nella consueta forma, passando tra i banchi, finita in secondo piano per lasciare spazio a una app, scaricabile attraverso un barcode direttamente in chiesa, che consente di effettuare l’offerta anche da remoto e per l’importo che si preferisce. Il parroco, anche domenica scorsa, ha assicurato che le offerte rimarranno anonime, quasi a garanzia del tanto celebrato segreto bancario svizzero, di sicuro della privacy. Comunque, una vera rivoluzione. Tanto pi che, se la moneta elettronica prendesse piede anche nella Santa Sede, equivoci episodi come quelli che hanno recentemente visto protagonisti alti prelati e finanzieri senza scrupoli sarebbero debellati alla radice.

Una ripresa da 650 mila euro

Ruggero Frecchiami, direttore generale del gruppo AssimocoAssimoco, prima compagnia assicurativa italiana ad acquisire la qualifica di societ Benefit, ha presentato il bando IdeeRete, che stanzia 650 mila euro per sostenere la ripresa del tessuto sociale ed economico dei territori pi colpiti dall’emergenza sanitaria. importante porre attenzione agli impatti che la pandemia ha provocato su quattro forme di capitale, necessarie per contribuire al benessere di un’area economica e garantire la sostenibilit del suo sviluppo in chiave intergenerazionale: capitale finanziario, umano, sociale e naturale, ha spiegato Ruggero Frecchiami, direttore generale del gruppo Assimoco. Il bando, scaricabile dal sito www.bandoideerete.assimoco.it, intende realizzare progetti finalizzati alla transizione verde, alla trasformazione digitale, alla tutela della salute e alla lotta alla povert. Possono partecipare al bando, entro e non oltre il 28 febbraio 2021, enti profit, non profit e startup.